Filosofia
  • it
  • en

Perchè diventare Life Changer

La persona che oggi si rivolge ai personal trainer è molto diversa rispetto a qualche anno fa: più consapevole dell’importanza di uno stile di vita sano da un lato, dall’altro è costretta alla sedentarietà e a condizioni di stress per molte ore al giorno, con conseguenze negative sullo stato di salute psico-fisico.

I limiti del personal training

Qualunque sia la motivazione che porta la persona ad affidarsi a lui, il trainer attuale inizia il suo intervento dall’allenamento, studiando un percorso che porta l’individuo al raggiungimento della performance. Seguire questo standard non è l’approccio ottimale perchè:

  • si dà per scontato che le basi del movimento e della motivazione siano solide e corrette
  • non si considera il pregresso del soggetto (psicologia, abitudini alimentari, stile di vita)
  • manca la formazione per seguire la persona in modo integrato: alcuni trainer si focalizzano sulla postura e non curano la parte psicologica, altri lavorano sulla mobilità senza tener conto dell’alimentazione

Il risultato è un training frammentato, che spesso porta a un temporaneo miglioramento ma non educa al cambiamento stabile e duraturo.

Piramide delle performance

Le prospettive del life changing

Chi diventa Life Changer rivoluziona l’approccio tradizionale del training, partendo da un punto di vista completamente differente:

  • restituisce valore alla qualità del movimento come base per ogni allenamento
  • indaga le motivazioni della singola persona e crea un  percorso su misura in base al caso specifico
  • risponde all’esigenza sempre più sentita di una figura professionale completa, attenta alla psicologia, alla necessità di movimento (o ai problemi della sedentarietà) e alla nutrizione, che non sostituisce ma integra il supporto esterno di psicologi e dietisti.

Il risultato è un cambiamento complessivo che porta la persona a raggiungere con successo i suoi obiettivi fisici ed emotivi.